Accedi

Gianfranco D’Angelo

Roma

Gianfranco D’Angelo (Roma, 19 agosto 1936 – Roma, 15 agosto 2021) è stato un attore, comico, cabarettista, doppiatore, imitatore e cantante italiano.

Dopo aver svolto vari lavori, fra i quali l’impiegato alla SIP, esordisce in teatro come attore nel 1963 con I Teleselettivi, commedia satirica in cartellone al Teatro delle Arti di Roma, continuando poi a recitare al teatro Cordino – costituito da lui e dai suoi amici nel cuore di Trastevere – in spettacoli scritti da Maurizio Costanzo. Dopo aver partecipato insieme a Renzo Montagnani a Federico eccetera eccetera, programma radiofonico di Maurizio Costanzo, nel 1968 viene chiamato da Lando Fiorini e lavora al Puff fino al 1970, quando Garinei e Giovannini lo scelgono per il ruolo dell’Arcivescovo tedesco in Alleluja brava gente con Renato Rascel e Gigi Proietti. Dopo il Puff, lavora in vari cabaret d’Italia, fra cui il Derby di Milano. In seguito inizia la sua collaborazione con il teatro romano Il Bagaglino che lo porterà a lavorare con Gabriella Ferri, Oreste Lionello, Enrico Montesano e Pippo Franco.

D’Angelo ed Ezio Greggio negli anni ottanta, durante il programma comico Drive In, nello sketch di Has Fidanken
L’esordio televisivo avviene in Rai nel 1971 quando partecipa al programma Sottovoce ma non troppo. Successivamente prende parte al programma Foto di gruppo, nel quale affianca Raffaele Pisu. Interpreta un commissario di polizia nel film per la televisione La bambola, della serie La porta sul buio, prodotta da Dario Argento e andata in onda sulla Rai nel 1973. Negli anni settanta seguono alcune partecipazioni a spettacoli televisivi della rete di Stato, come Milleluci (1974 con Raffaella Carrà), Dove sta Zazà (1973) e Mazzabubù (1975).

Durante il Giro d’Italia del 1978 e del 1979 è commentatore televisivo in diretta del dopotappa. Nell’autunno del 1979 è il protagonista de La sberla (regia di Giancarlo Nicotra) seguito da diciannove milioni di telespettatori. A questo seguiranno C’era una volta Roma (1979), Tilt (1979 con Stefania Rotolo e regia di Valeriu Lazarov alla sua prima esperienza in Italia), Ma ce l’avete un cuore (1980), Signori si parte (1981, regia di Romolo Siena), e TV 1 (estate 1983). Al cinema recita con Alvaro Vitali, Lino Banfi e Renzo Montagnani in numerosi film del genere commedia sexy all’italiana negli anni settanta-ottanta.

Nel 1983 è uno dei protagonisti del programma di Antonio Ricci Drive In (Italia 1). Il programma, che andrà in onda per cinque anni, sarà diretto prima da Giancarlo Nicotra, in seguito da Beppe Recchia. In questo programma D’Angelo interpreta il personaggio del signor Armando, proprietario e addestratore del cane “Has Fidanken”. Tra gli altri personaggi interpretati vi sono il Tenerone e le imitazioni di Pippo Baudo e Katia Ricciarelli (all’epoca consorti), Sandra Milo, Roberto Gervaso, Piero Angela e Raffaella Carrà. Nel 1986 la Rai dedica a Gianfranco D’Angelo una puntata di Serata d’onore. Nel 1988 conduce su Italia 1 insieme a Ezio Greggio la prima stagione del programma Striscia la notizia. Inoltre, nello stesso periodo conduce i programmi Odiens (tra i personaggi interpretati vi è l’imitazione di Marisa Laurito) e Televiggiù.

Nel 1992 è il protagonista della sitcom Casa dolce casa, assieme ad Alida Chelli e Enzo Garinei; nella serie compare anche la figlia, Daniela D’Angelo, che interpreta il ruolo della figlia come nella vita. Torna in Rai nel 1993 conducendo, affiancato da Gabriella Carlucci, su Rai 1 lo spettacolo Luna di miele. Nel biennio 1995-1997 è Diavolik, con la Carrà nei panni di Eva Kant in Carràmba! Che sorpresa. Nello stesso anno è protagonista del recital Bravo Bravissimo, dedicato alla sua carriera. Nell’estate 1996, fra le altre partecipazioni, ci sono il Gala di Raiuno a Cannes, la trasmissione Su le mani al Bandiera gialla di Rimini, il Festival delle voci nuove di Castrocaro.

Nell’autunno-inverno 1996-1997 è il comandante dell’esercito di Retromarsh!!! È ospite di tre puntate di Fantastico e di altri varietà televisivi. Nel 1999 conduce le “inchieste” per carpire i segreti dei VIP all’interno della trasmissione Segreti e Bugie. Inoltre è ospite di Carràmba! Che sorpresa e Domenica in. Dopo aver vinto quattro Telegatti, nel 2001 vince il Delfino d’oro alla carriera. Nella stagione 2009-2010 conduce insieme alle figlie un programma di cucina denominato Locanda D’Angelo su Alice TV. Nel 2015 partecipa a Italia’s Got Talent su Sky, come concorrente ospite, senza essere giudicato.[4] Nel 2017 è in tournée teatrale con Quattro donne e una canaglia insieme a Corinne Cléry, Barbara Bouchet, Marisa Laurito e Paola Caruso.

Nel 2019 appare nel film W gli sposi diretto da Valerio Zanoli. Il cast comprende Paolo Villaggio nella sua ultima interpretazione cinematografica, Iva Zanicchi, Carlo Pistarino, Marisa Laurito, Lando Buzzanca, Corinne Cléry e Giulio Berruti.[5][6]

Muore dopo una breve malattia il 15 agosto 2021 al Policlinico Gemelli di Roma a 84 anni.[7]

Vita privata
Ha avuto due figlie, Daniela e Simona, anche loro attrici.

Filmografia

Gianfranco D’Angelo nel film La liceale (1975)
Cinema
Zum Zum Zum – La canzone che mi passa per la testa, regia di Bruno e Sergio Corbucci (1969)
Io non scappo… fuggo, regia di Franco Prosperi (1970)
Bolidi sull’asfalto – A tutta birra!, regia di Bruno Corbucci (1970)
Lady Barbara, regia di Mario Amendola (1970)
Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
4 marmittoni alle grandi manovre, regia di Franco Martinelli (1974)
Mondo candido, regia di Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi (1975)
Grazie… nonna, regia di Marino Girolami (1975)
L’insegnante, regia di Nando Cicero (1975)
La liceale, regia di Michele Massimo Tarantini (1975)
Remo e Romolo – Storia di due figli di una lupa, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1976)
La poliziotta fa carriera, regia di Michele Massimo Tarantini (1976)
Ecco lingua d’argento, regia di Mauro Ivaldi (1976)
La professoressa di scienze naturali, regia di Michele Massimo Tarantini (1976)
Classe mista, regia di Mariano Laurenti (1976)
La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
Nerone, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1976)
Maschio latino… cercasi, episodio “Accadde a Napoli”, regia di Giovanni Narzisi (1977)
Kakkientruppen, regia di Marino Girolami (1977)
Taxi Girl, regia di Michele Massimo Tarantini (1977)
Per amore di Poppea, regia di Mariano Laurenti (1977)
La compagna di banco, regia di Mariano Laurenti (1977)
Grazie tante arrivederci, regia di Mauro Ivaldi (1977)
L’insegnante va in collegio, regia di Mariano Laurenti (1978)
Scherzi da prete, regia di Pier Francesco Pingitore (1978)
Una bella governante di colore, regia di Luigi Russo (1978)
La liceale nella classe dei ripetenti, regia di Mariano Laurenti (1978)
La soldatessa alle grandi manovre, regia di Nando Cicero (1978)
Io zombo, tu zombi, lei zomba, regia di Nello Rossati (1979)
Tutti a squola, regia di Pier Francesco Pingitore (1979)
La settimana bianca, regia di Mariano Laurenti (1980)
Biancaneve & Co., regia di Mario Bianchi (1982)
Giovani, belle… probabilmente ricche, regia di Michele Massimo Tarantini (1982)
La gorilla, regia di Romolo Guerrieri (1982)
Rimini Rimini – Un anno dopo, episodio “Vuò comprà”, regia di Giorgio Capitani (1988)
Se lo fai sono guai, regia di Michele Massimo Tarantini (2001)
Il crimine non va in pensione, regia di Fabio Fulco (2017)
W gli sposi, regia di Valerio Zanoli (2019)
Televisione
La porta sul buio – serie TV, 1 episodio (1973)
Mazzabubù – miniserie TV (1975)
La sberla – serie TV (1978)
C’era una volta Roma – serie TV (1979)
Drive In – serie TV (1983)
Casa dolce casa – serie TV (1992)
Le ragazze di Miss Italia – film TV (2002)
Teatro

Gianfranco D’Angelo in Niente sesso, siamo inglesi (1990)

Gianfranco D’Angelo in Il Re sono io (2013)
Alleluja brava gente, regia di Pietro Garinei e Sandro Giovannini (1972)
Niente Sesso siamo inglesi, regia di Pietro Garinei e Sandro Giovannini (1990)
Chi fa per tre, regia di Pietro Garinei (1992)
Tredici a tavola, regia di Marco Parodi (1993-1994)
Gli uomini sono tutti bambini, regia di Enrico Vaime (1994-1995)
I cavalieri della tavola rotonda, regia di Alessandro Capone (1995-1996)
I peggiori anni della nostra vita, di Enrico Vaime (1996-1997)
Il gufo e la gattina (1998)
L’ultimo Tarzan, regia di Sergio Japino (1998-1999)
Il padre della sposa, regia di Sergio Japino (1999-2000)
Isidoro e Beatrice (2000-2001)
È ricca, la sposo e l’ammazzo (2002-2003)
Il Paradiso può attendere (2003-2004)
Di profilo sembra pazzo (2004)
La signora in rosso, regia di Alessandro Spadorcia e Ivan Stefanutti (2004-2005)
Indovina chi viene a cena, regia di Patrick Rossi Gastaldi (2006-2007)
Nemici intimi (2007-2008)
Un giardino di aranci fatto in casa, regia di Patrick Rossi Gastaldi (2008-2009)
Un giorno lungo 40 anni (2009-2010)
Suoceri sull’orlo di una crisi di nervi, regia di Giovanni De Feudis (2009)
Due ragazzi irresistibili (2010-2011)
California Suite, regia di Massimiliano Farau (2011-2012)
Il re sono io, regia di Giacomo Zito (2013)
Io e Roma (2013-2014)
Il bello dell’Italia (2014)
Harry ti presento i miei (2014-2015)
Programmi televisivi
Sottovoce ma non troppo, regia di Giancarlo Nicotra (Secondo Programma, 1971)
Dove sta Zazà, regia di Antonello Falqui (Programma Nazionale, 1973)
Milleluci, regia di Antonello Falqui (Programma Nazionale, 1974)
Foto di gruppo, regia di Carla Ragionieri (1974)
Giro d’Italia 1978 (Commentatore televisivo del dopotappa)
Giro d’Italia 1979 (Commentatore televisivo del dopotappa)
Tilt, regia di Valeriu Lazarov (Rete 1, 1979)
Ma ce l’avete un cuore?, regia di Salvatore Baldazzi (Rete 1, 1980)
Signori si parte, regia di Romolo Siena (Rete 2, 1981)
Musicomio, regia di Fausto Dall’Olio (Rete 3, 1981)
TV 1, regia di Giancarlo Nicotra (Rai 1, 1983)
‘’Drive in ‘’ italia uno 1983 1989
Per chi suona la campanella, regia di Pier Francesco Pingitore (Rai 2, 1987)
Striscia la notizia, regia di Beppe Recchia (Italia 1, 1988)
Odiens, regia di Beppe Recchia (Canale 5, 1988-1989)
Televiggiù, regia di Mariano Laurenti (Italia 1, 1989)
Circo sul Ghiaccio di Mosca, regia di Egidio Romio (Canale 5, 1991)
Fantastico 12, regia di Sergio Japino (Rai 1, 1991)
Luna di miele, regia di Lella Artesi (Rai 1, 1993)
Solletico (Rai 1, 1994-2000)
La festa della mamma (Rai 1, 1994-1995, 1997)
Buona Domenica (Canale 5, 1994-1995)
La festa dei nonni (Rai 1, 1995)
Carràmba che sorpresa, regia di Sergio Japino (Rai 1, 1995-1996)
Gala di Raiuno a Cannes (Rai 1, 1996)
Su le mani (Rai 1, 1996)
Festival di Castrocaro (Rai 1, 1996)
Retromarsh!!! (Telemontecarlo, 1996)
Fantastico (Rai 1, 1997)
Segreti e Bugie (1997)
Locanda D’Angelo (2009-2010)
Doppiaggio
Il sovraintendente Chalmers in I Simpson, episodio Il direttore in grigioverde (5×19).
Zio Giorgio in Tilly e il draghetto.
Discografia
Album
1979 – Spettacolo d’evasione
Singoli
1978 – Gira e rigira
1980 – Vai con la bici
1984 – Has Fidanken
1989 – Vieni a bere un bicchiere a la maison (con Ezio Greggio)
Partecipazioni
1984 – AA.VV. W la TV, con il brano Has Fidanken
2011 – AA.VV. Super Video Stars, con il brano Vai con la bici
Opere
Il Mangiatardi, Pratiche Editrice, 2001. ISBN 8873807003

Caratteristiche

Video

Aggiungi memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stelline votive

Added By memory place

memoryplace

Cerca

Si prega di scegliere la categoria per visualizzare i filtri

Iscriviti alla nostra newsletter

Inserisci la tua mail

Commenti recenti